I can remember

L’amore che ti fa contorcere lo stomaco e l’amore delle parole non dette ma lette negli occhi.

L’amore delle scelte fatte insieme per stare insieme.

L’amore che ti abbraccia anche se ci sono 2500 °C o nonostante i piedi ghiacciati, a cui rubi le coperte/piumone/lenzuola/cuscino e resiste stoicamente accanto a te.

L’amore lontano, dei week end su treni e autobus, l’amore dei viaggi su macchine vintage, delle corse disordinate in bicicletta, delle fughe improbabili e degli incastri impossibili.

L’amore che sostiene ed incoraggia, che aiuta a spiccare il volo e attutisce le brutte cadute, quelle che fanno già male così figuriamoci senza.

L’amore che qualche volta stressa, perché siamo esseri umani, e che spesso cucina, perché le coccole vere non sono i regali materiali ma il tempo che ci si dedica.

L’amore che guarda al passato con tenerezza e al futuro con speranza e gioia, perché il meglio deve sempre ancora venire.

L’amore che dobbiamo coltivare giorno per giorno, perché le cose così belle potrebbero essere inspiegabilmente fragili.

L’amore che vi auguro e che ci meritiamo.

Auguri a chi ama.